Compara E Dodo Or Bar Estivi Donna Vestiti OnlineFashiola it ulFT1Jc35K

martedì 26 marzo 2019

Statistiche o pallottole ?


L'intervento del Rettore Elio Franzini sul Corsera di oggi, 26 Marzo 2019 mi sembra quanto mai opportuno e in particolare condivido pienamente l'affermazione : "gli elementi di statistica, i numeri, pur importanti, non devono avere prevalenza assoluta, risultando invece solo un momento in un sistema di riferimenti più ampio e complesso, che non può mai cedere ad una razionalità unilaterale, comprendendo invece che nessuna verità singola può essere assolutizzata se si vuole avere una visione Compara E Dodo Or Bar Estivi Donna Vestiti OnlineFashiola it ulFT1Jc35Kmatura della scienza e dei suoi metodi." 

In effetti, il condivisibile tema generale trattato dal filosofo Franzini, che ribadisce quanto sia - anche per l'homo technologicus - ineluttabile il problema del libero arbitrio e della scelta razionale e quindi del sapere critico e quindi della cultura, nello specifico passaggio sopra citato, pronunciato nella sua veste di Rettore, sembra anche alludere o rispondere ad alcune voci ministeriali sulla valutazione della docenza che stanno circolando in questi giorni. Sembra ancor più rilevante e pertinente, quando lo si riferisce proprio alle novità prospettate in merito al mondo della Scuola e dell'Università ovvero al sogno ministeriale dell'automazione, al proposito di portare a "maturazione" quel disegno di automazione delle valutazioni nel mondo scolastico e universitario avviato da tempo e solo in parte "maturato".

Infatti, se "fondere Anvur con l’Invalsi" sembra un nuovo logico passaggio nell'assimilare o semplificare la docenza, nella definizione del docente-automa, ecco il vero gioiello per la sua valutazione: "il docente inserisce tutte le informazioni sulla sua attività e le sue pubblicazioni, quindi riceve via mail un punteggio sul proprio lavoro sia in termini qualitativi sia quantitativi" parole del  Viceministro, professore di economia politica, Lorenzo Fioramonti (potete leggere l'intervista su ilmessaggero.it del 18 Marzo 2019). Infine "il sistema darà automaticamente l’abilitazione in base al tipo di insegnamento fatto, alle borse di studio ottenute e alle pubblicazioni fatte". Questa è una valutazione "matura" per il ministero anche se non è affatto matura

Compara E Dodo Or Bar Estivi Donna Vestiti OnlineFashiola it ulFT1Jc35KA tal proposito, penso che a nulla siano serviti secoli di storia, penso che i metodi ministeriali adottati, come già prospettato ancor prima dell'attuale illuminazione ministeriale, siano del tutto paragonabili a quelli inquisitori o persecutori, quindi, prevedo che sarà del tutto irrilevante l'impatto di edificanti articoli o appelli come il premonitore No alla robotizzazione dell'Università e della Ricerca oppure interventi di scienziati illustri, uomini di cultura e/o Rettori filosofi sul sistema di valutazione della Scuola e dell'Università : una nuova inquisizione o persecuzione è in atto, un preciso e trasversale disegno politico per dirimere il sapere critico e tutte le controversie, anche se scientifiche, così tipicamente caratteristiche degli intellettuali. 

In tale sistema di valutazione mi sembra possibile ravvedere l'idea ispiratrice che è "scintilla di subordinazione, di ciò che è particolare ed inferiore a ciò che è universale ed immortale, e rispetto della legge e disciplina" dell'algoritmo e delle statistiche, ad esempio; in tale contesto è anche prevista libertà "ma libertà da conquistare attraverso la legge" statistica, libertà "che si instaura con la rinuncia a tutto ciò che è piccolo arbitrio e velleità irragionevole e dissipatrice" parafrasando il Manifesto degli intellettuali fascisti di G. Gentile. Non importa se "la filosofia può insegnare che il problema di scegliere e operare in modo corretto non ha una soluzione definitiva e universalmente valida" come afferma E. Franzini.

Per una questione di coscienza - anche in veste di matematico - sono quindi nuovamente costretto a ribadire che i processi di automazione possono essere Armi di distruzione matematica, statistiche e algoritmi possono essere le loro pallottole. L'idea apologetica minimale, in difesa della cultura, in generale, e di una valutazione matura delle Università, in particolare - già espressa in Università! Quale libertà? - è che le "Università non siano solamente istituzioni nelle quali la trasmissione dei saperi si esaurisce in campi definiti, ma che siano anche un luogo d'elezione per tutte quelle pratiche che liberano il pensiero dai vincoli del `sapere controllato'. E quindi siano nuovamente rivoluzionarie e progressiste, abdicando o astenendosi dal praticare, al  loro interno, quel `potere coscienzioso' inquisitorio proprio del panoptismo."




Abito SvasatoLidiashopping Shopping The it Best NwOvm8n0

venerdì 21 dicembre 2018

L'ignoranza al governo


Se dopo aver pazientemente insistito - quasi tutti e in tutti i modi - con esempi, spiegazioni dettagliate, previsioni imparziali, indicatori e argomenti ben noti per fargli capire le basi dell'economia non avessero ancora capito come lo chiamereste ? Il governo del cambiamento è l'ignoranza al governo ! L'ignoranza al governo non produrrà nessun cambiamento se non un momentaneo tamponamento nella crescente disaffezione dei suoi elettori, un pizzico di assistenzialismo degno solo della nostra più vecchia repubblica statalista, con la sua conseguente stagnazione, e infine, recessione.

Senza sviluppo si cade in recessione, soprattutto oggi che siamo sul filo di un rasoio di eventi economici non avversi, con opportunità scientifiche e culturali che i nostri vicini europei sono pronti a cogliere al volo. Senza ricerca, oggi, si cade in recessione e non ci saranno pensioni e neanche reddito di cittadinanza da discutere. Senza Europa saremo tutti più poveri, economicamente, solo un ignorante non lo riconosce, ma anche culturalmente.
Marine Serre Farfetch Con Stampa Vestito FcK3uJlT1
Senza Europa, senza ricerca, ci possiamo solo chiudere in casa (se non avevamo un mutuo in euro), sognando di poter dar lezioni a tutti (come ai tempi dell'asse e delle potenze d'acciaio), con l'arroganza ben nota dell'italiano medio (ora vip di Instagram), del ducetto di turno contornato dagli amici alla sbarra (etimologia con doppio senso di "bar'') che con un bel sorriso diminuisce drasticamente la nostra attrattiva sui giovani, i nostri cervelli in fuga, quelli non ignoranti appunto, che sono spesso ricercatori sparsi in Europa e nel mondo.




venerdì 29 giugno 2018

Rettori e Direttori


A futura memoria, dal punto di vista del Direttore di un Dipartimento, vorrei condividere con tutti voi una mia personale valutazione sulla campagna elettorale per l’elezione del nuovo Rettore appena conclusa nel mio Ateneo e l'esito di questa.

Durante la campagna elettorale, in veste di Direttore di Dipartimento, ho cercato di assumere una posizione neutrale, contro nessuno e neanche promuovendo nessuno in Dipartimento ma, semmai, eventualmente, facendomi carico di aggiornare i Colleghi e il Personale, mantenendo i contatti con tutti i candidati, posizione che altri Direttori non hanno affatto condiviso, a partire dalla raccolta delle firme. In un Ateneo “ideale” oso immaginare che le cariche istituzionali per eccellenza, quali sono i Rettori e i Direttori di Dipartimento, proprio loro, i Direttori in primis, siano garanti della trasparenza, siano equanimi e sappiano davvero essere i Direttori di tutti, sappiano confrontarsi con le diverse componenti del Dipartimento con il senso di responsabilità e l’equilibrio che s’impone a chi riveste una carica così autorevole e rappresentativa.

Quest'ultimo augurio citato in corsivo ma riferito al nuovo Rettore, compare, abbastanza paradossalmente, in una presunta lettera, abbozzata e poi subito abortita, lettera che avrebbe avuto come mittenti noi Direttori, indirizzata all’Ateneo, in merito alla campagna dell'ultimissima ora; ma tale lettera avrebbe dovuto essere il presupposto da cui partire e non una conclusione, se avessimo veramente e giustamente voluto cogliere l’occasione per fare un passo verso l’Ateneo “ideale”. Il nostro Ateneo non è ideale ma possiamo sforzarci (e molto) per renderlo migliore! Come? Istituendo dei contesti di vero confronto e dei meccanismi di garanzia, soprattutto in campagna elettorale. Ad esempio, regolamentando meglio le raccolte di firme, in modo da non concedere la possibilità a nessuno di mettere sotto scacco nessuno. Certamente, il ruolo costitutivo dei Direttori e dei Dipartimenti deve essere ancora pienamente riconosciuto in questo Ateneo: bisogna che i Direttori non possano venir concepiti come strumenti di governo da parte del Rettore e i Dipartimenti siano maggiormente autonomi ma pure responsabili delle loro scelte.

Dunque, il mio auspicio è che il prossimo Rettore sappia davvero essere il Rettore di tutti, anche dei suoi avversari, che sia autorevole ma anche responsabile e super partes, e, infine, che possa rappresentare l'Ateneo con indipendenza, anche da quelle fazioni elettive che potrebbero presumere di condizionarlo nelle sue scelte. L’augurio per il nostro nuovo Rettore, il Prorettore Vicario e i suoi stretti collaboratori è che siano fortemente coesi sulle ineludibili linee fondamentali di quel suo programma che necessariamente parte, a mio avviso, dal rinnovamento del rapporto tra Rettore e Direttori.

Neri Giglio it Emporio Stileo Donna Abito Armani Xk8n0PwO

giovedì 1 febbraio 2018

Caro candidato Rettore

Compara E Dodo Or Bar Estivi Donna Vestiti OnlineFashiola it ulFT1Jc35K
Con questa lettera intendo esprimere elementi di riflessione che ritengo sia opportuno considerare molto attentamente nell’affrontare la decisione che il Dipartimento di Matematica sia trasferito dalla sua sede storica di Via Saldini 50.

Innanzitutto, non posso immaginare che per un laboratorio si prospetti una collocazione che non prevede gli “strumenti” necessari per farlo funzionare: la ricerca e l’educazione matematica sono i presupposti dai quali deve partire qualunque ragionamento. La vita di un matematico è senza dubbio quanto deve essere preso seriamente in considerazione rispetto alla collocazione del Dipartimento di Matematica in un nuovo campus. Per i matematici sono “strumenti” gli spazi comuni, con lavagne davanti alle quali discutere o pensare, e sono essenziali i libri, sempre a nostra disposizione all’interno del Dipartimento ovvero una biblioteca prontamente accessibile, con sale di lettura. L'idea di Dipartimento inalienabile per un matematico - che sia discente o docente poco importa - è quella di Agorà ovvero di quel luogo d'incontro e di relazione maestro-discepolo, che dall’antichità fino a oggi, è il cuore della creazione e della trasmissione del sapere matematico. In tutti i migliori contesti, nazionali e internazionali, i matematici vivono una Agorà tutta loro! Un solo esempio, molto vicino: la nuova Torre Archimede dell’Università degli Studi di Padova, un Dipartimento di Matematica di cui sono stato membro e che conosco bene, con le sue aule e la sua biblioteca anche se le sedi universitarie a Padova sono sparse in tutta la città; un vero e proprio campus diffuso, come potrebbe essere quello di Milano, con le sue sedi storiche e quelle nuove.

La storia del nostro nome è importante per capire perché non siamo favorevoli ad abbandonare la nostra sede di Via Saldini 50. Nel 1929 l’eminente matematico Oscar Chisini, studente di Federigo Enriques, fondò l'Istituto di Matematica dell'Università degli Studi di Milano, assieme al fisico matematico Gian Antonio Maggi e a Giulio Vivanti. In seguito alla recente costituzione, che risale al 1924, l'Università degli Studi di Milano avrebbe dovuto occupare edifici da costruire nel quartiere Città Studi, progettato prima della prima guerra mondiale, e avere sede nel Palazzo delle Scienze di via Saldini 50, ora sede appunto del nostro Dipartimento di Matematica "Federigo Enriques". Ricordiamo che Chisini fu Direttore dell'istituto dai primi anni trenta fino al 1959; dal 1945 al 1950 fu Preside della Facoltà di Scienze dell'Università di Milano e fu lo stesso Chisini che, nel 1952, per onorare la memoria del grande maestro, scomparso pochi anni prima, propose di intitolargli l'Istituto. La proposta incontrò il favore di molti e in particolare di Giovanni Ricci, che per due anni era stato assistente di Enriques a Roma e che nel 1936, quando viene nominato professore di Analisi a Milano, da Milano non si è più mosso, tenendo corsi per incarico anche alla “Bocconi” e alla Scuola “Enrico Mattei” di studi superiori sugli idrocarburi di S. Donato Milanese. Durante la cerimonia Ricci tenne un discorso illustrativo sulla figura di Enriques e, in seguito, la famiglia Enriques donò all'Istituto un busto, attualmente esposto nella nostra Sala di Rappresentanza. Chi era Federigo Enriques e come mai l'Istituto di Matematica ha voluto mantenere tale nome, anche dopo essere divenuto Dipartimento di Matematica, sino dal 1982 ? Raccomando il recente articolo dal titolo “La cultura secondo Enriques” che sintetizza bene la figura di Enriques, redatto dal nostro collega Umberto Bottazzini e apparso sul Sole 24 Ore del 31/07/2016; in essenza, la visione di Enriques, che adduceva alla filosofia tutte le discipline teoriche, si potrebbe riassumere in questa sua affermazione: “Alla Geometria sembra doversi concedere un posto d’onore nel campo degli studi filosofici!” Filosofo e scienziato, educatore e storico, sicuramente grandissimo matematico, Enriques fu un ricercatore con un unico programma scientifico: la curiosità. Un programma d’eccellenza, che ha dato risultati spettacolari e studenti illustri, studenti che hanno mantenuto vivo il nostro Dipartimento e la nostra preziosa Biblioteca “Giovanni Ricci”, ancora oggi intitolata a un suo assistente. A questo punto, fare il nome di Enrico Bombieri è d’obbligo, infatti, studente frequentatore della nostra biblioteca, sotto la guida di Ricci appunto, il giovane Bombieri ha compiuto i suoi primi studi proprio presso l’Istituto di Matematica di Milano laureandosi nel 1963: Bombieri è Cavaliere di Gran Croce, Ordine al Merito della Repubblica Italiana (2002) ed è l’unico italiano ad aver ricevuto la Fields Medal (1974), il Nobel per noi matematici: tale riconoscimento viene attribuito dall’International Congress of Mathematicians (ICM), il congresso mondiale dei matematici che si tiene ogni quattro anni in giro per il mondo a partire dal 1897.

Questi succinti richiami storici rappresentano già molto bene quanto esposto in precedenza sulla vita matematica ovvero la sinergia tra maestro e discepolo che a volte si trasfigura in quella tra libro e lettore: ecco perché noi matematici siamo appassionatamente legati alla nostra Agorà. Siamo anche ben consapevoli che il futuro della matematica è ben più complesso di quanto si possa immaginare oggi e nuove scienze troveranno certamente sempre un linguaggio matematico in cui esprimersi. La matematica è ovunque: si trova in tutte le forme di conoscenza umana, ma non è al servizio di nessuna di queste. "La matematica è la regina delle scienze e la teoria dei numeri è la regina della matematica" diceva Gauss, proprio per esprimere il concetto che la ricerca in matematica vive di vita propria: che questo non sia il caso è infatti il principale fraintendimento riguardante il sapere matematico. In qualunque termine di paragone internazionale il nostro Dipartimento è ancora eccellente nel mondo ed ha continuato ad esprimere grandi matematici, nel presente come nel passato. Basta citare, ad esempio, tre attuali membri del nostro Dipartimento, della generazione anni 70, che sono ricercatori di punta in settori chiave della matematica moderna: Fabrizio Andreatta, professore ordinario di Algebra, uno tra i sei italiani invited speaker al suddetto ICM del 2018 e unico titolare di finanziamento Cariplo/Regione Lombardia 2017 per le scienze matematiche e fisiche di questo Ateneo; Paolo Stellari, professore ordinario di Geometria, che è il solo matematico italiano che ha ottenuto il finanziamento di un progetto di ricerca europeo nell’ambito dell’ERC Consolidator Grants 2017; infine, Enrico Valdinoci, già titolare di ERC Starting Grant, professore ordinario di Analisi, che risulta essere anche per il 2017 nella Thomson Reuters Highly Cited Researcher List: in questa lista compaiono solo cinque ricercatori di area matematica in tutta Italia.

In conclusione, sulla base di queste riflessioni, mi appello a te, in qualità di candidato Rettore, affinché la nostra peculiarità di matematici venga riconosciuta e che questo patrimonio prestigioso e di eccellenza manifesta non venga ignorato o trascurato, affinché il valore di questa Agorà possa essere apprezzato anche nel futuro, affinché nel nuovo Senato sia disposto che questa Agorà abbia ancora luogo anche nel Campus Expo, qualora sia inevitabile il nostro trasferimento. Bisogna essere consapevoli, al contrario, che in un nuovo campus, se concepito secondo criteri che non consentono di ricreare una tale Agorà matematica, ma solo una piccola porzione di questa al servizio di una comunità, come prospettato, di conseguenza, come per un laboratorio senza “strumenti”, sarà seriamente messa a repentaglio la nostra eccellenza, forse, saresti, come nuovo Rettore, addirittura responsabile di aver contribuito alla nostra estinzione, in seno a questo Ateneo. Mi appello a te, come candidato Rettore, affinché la visione di Enriques, come si vede rappresentata nel nostro Dipartimento, nella sua sede e con la sua storia, sia preservata come motivo di orgoglio per tutta l’Università degli Studi di Milano, anche domani come lo è oggi.

 Luca Barbieri Viale 

Direttore del Dipartimento di Matematica "Federigo Enriques"
F Da Di T Top r Restless E s For Donna A Lyst Sleepers Shirt OkXTwPZiu

giovedì 2 novembre 2017

Automazione/Rivoluzione


Ho scritto un articolo che avrei voluto/dovuto intitolare Automazione/Rivoluzione per la rivista online Doppiozero, una riflessione che riporta alcune parti del mio Pamphlet centrate intorno ai temi del libro di Cathy O'Neil dal titolo Weapons of Math Destruction, libro che è da poco uscito anche in italiano con il titolo Armi di Distruzione Matematica in traduzione per Bompiani.

Rileggendo l'Elogio della Follia di Erasmo da Rotterdam appare del tutto stringente, oggi, la similitudine con quel classico rapporto tra autorità e libertà, ben espresso nella storia moderna con l'inquisizione del 1500-1700. Quell'idea della perfezione di Dio, da oggi, invece, si esprime con l'ideale di perfezione dell'Automa. La nuova forma, postmoderna, di questo rapporto Autorità/Libertà ovvero Dio/Uomo, si ritrova proprio nel rapporto tra automazione e scienza, umanesimo in senso lato, sostituendo Dio con la Macchina. Ecco che l'appello ad essere folli come nessuna macchina potrà mai essere risulta anche un appello ad essere ancora umani e quindi il rapporto Automazione/Rivoluzione mi sembra una buona sintesi per indicare, oggi, nell'epoca dell'intelligenza artificiale, questa lunga strada verso la Follia.


Donna Di Stampa JerseyCappuccio Jeans Klein Calvin Vestito Maglina SUVMzqpG

giovedì 12 ottobre 2017

Compara E Dodo Or Bar Estivi Donna Vestiti OnlineFashiola it ulFT1Jc35K

Pamphlet


Seguendo un filo conduttore che riunisce le sorti degli "intellettuali" in una prospettiva storica coerente ho scritto un manifesto del libero pensiero, titolo: Università! Quale libertà? Nelle nostre Università non c'è più posto per i liberi pensatori? L'uomo "intellettuale" è una razza da eliminare o in via di estinzione? Oggi, l'opposizione critica degli "intellettuali" alla settorialità tecnocratica li vede martiri all'interno delle Università di un mondo che ha eletto l'automa a ideale di perfezione.

Il libro è pubblicato quale bene culturale libero e comune secondo Creative Commons LigneComparer Mathews En Robes Acheter Femme Lee hxdBotsCQr
Invito tutti a condividere il testo, riprodurlo, tradurlo e modificarlo con qualsiasi mezzo e formato. Potete sfruttarlo per le vostre opere e per qualsiasi fine, anche commerciale, a condizione che venga riconosciuta una menzione di paternità adeguata, indicando se sono state effettuate delle modifiche e venga rispettata la licenza.

Il libro si scarica cliccando qui

Buona lettura e condivisione!

Nota: Il testo di 64 pagine (compreso di copertina) è contenuto in un file .pdf stampabile e/o per lettura da video con Lettore PDF oppure con App Mobile Lettore PDF gratuite su qualunque dispositivo (PC, iPad, iPhone, Android o Windows Phone). Potete stampare il testo in formato A4 fronte/retro oppure come Booklet fronte/retro in formato libro tascabile (preferibilmente con una stampante a colori per avere il giallo della copertina). Una copia della licenza Creative Commons si trova al seguente link Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

martedì 3 ottobre 2017

Di Nuovo Shopping Fare Online Un Modo HWED2IY9

L'utilità dell'inutile questione fondazionale


La morte di Vladimir Voevodsky a soli 51 anni segna un passo, una dolorosa drammatica perdita, non solo per la scienza. Non solo perdiamo un eminente scienziato, ma come sempre accade per una mente libera, per un vero intellettuale, che sia artista o scienziato, perdiamo uno sguardo sul mondo che ci ha stupito, facendoci vedere l'invisibile. Uno sguardo che ci rivitalizza, rendendoci vivi in quanto esseri vedenti, perdiamo un visionario.

Perdiamo un matematico veramente straordinario, che ha saputo oltrepassare l'immaginazione di molti, ripartendo da semplici concetti elementari per sviluppare nuove eleganti teorie astratte, che ha però anche saputo mostrare essere essenziali per comprendere e risolvere problemi concreti. Come afferma Robbert Dijkgraaf, attuale direttore dell'Istitute of Advanced Studies di Princeton, USA, dove Voevodsky ha trascorso gran parte della sua vita di ricercatore in totale libertà: "Il progresso della nostra età moderna e del mondo di domani dipende non solo dall'esperienza tecnica, ma anche dalla curiosità libera e dai benefici - e dai piaceri - di viaggiare a monte, contro le attuali considerazioni pratiche". Come inoltre si legge nella presentazione del libro The Usefulness of Useless Knowledge di Abraham Flexner e Robbert Dijkgraaf, "la ricerca di risposte a domande profonde, motivata esclusivamente da curiosità e senza preoccupazione per le applicazioni, spesso porta non solo alle più grandi scoperte scientifiche ma anche alle più innovative rivoluzioni tecnologiche. Insomma, nessuna meccanica quantistica, nessun chip di computer."E Acqusita Online Nera DonneCompara Vestiti I Elasticizzata Prezzi iOuZTPkX

Proprio Voevodsky rappresenta un esempio emblematico di questa curiosità rivoluzionaria. Infatti, dopo aver mostrato come la teoria dell'omotopia algebrica sia un fertile ingrediente nella comprensione di quella teoria dei motivi presagita da Grothendieck, Voevodsky, nell'ultima parte della sua vita, si dedica ad una teoria che permette di fondare l'intera matematica sul concetto di omotopia, la Fondazione Univalente. Nelle opinioni di molti, anche eminenti matematici, si è radicata la convinzione che la vera scienza, la vera matematica, sia quella che guarda alle applicazioni o che permette di risolvere problemi insoluti da tempo: è vero proprio il contrario!

Non vi sono problemi difficili che non siano diventati semplici una volta che ci sia il modo giusto di porli, una volta che si sia trovato il linguaggio naturale in cui parlarne ed esporli. La storia della scienza ci insegna questo da Darwin ad Einstein, da Leibniz a Galois. Certamente, l'esercizio della destrezza e della furbizia nel risolvere problemi è l'addestramento dell'intelligenza ma non esaurisce affatto le nostre migliori capacità intellettive. L'assioma di univalenza di Voevodsky, nell'ambito appunto della fondazione univalente, esprime il concetto che "l'identità è equivalente all'equivalenza". Questo semplice assioma è un capolavoro d'intelligenza. Il fatto stesso che non fosse ancora stato espresso e compreso in un linguaggio formalizzato ha dell'incredibile. Rappresenta una scoperta di un percorso a ritroso, che scava in profondità e fa nuovamente emergere la semplicità nascosta dell'originalità, di ciò che è originale. Con questa scoperta, Voevodsky ci ha nuovamente mostrato il successo della matematica quale metodo d'indagine filosofico, rivelando un nuovo linguaggio nel quale esprimere e districare mondi futuri.